Chi siamo

Siamo quattro amici: Davide, Francesco, Michele, Luca.

Coltiviamo zafferano nelle colline dei Montefeltro e lungo la valle del Metauro.

Abbiamo condiviso il progetto comune attorno al marchio registrato "Giallo di Corte" perchè Giallo è il significato letterale della parola “zafferano” (dall'arabo za'-farán' e dal persiano zaa-fran) e di Corte perché la sua produzione è testimoniata alla corte dei Montefeltro già dal 1564.

Nei Diari Comunali dell'antica Casteldurante, l'odierna Urbania, luogo privelegiato di soggiorno e di caccia dei Duchi di Urbino, si legge:

“… per disposizione del Duca d’Urbino si visita da persona tecnica il territorio di Durante per vedere se sia suscettibile di coltivarvi lo zafferano e si mandano due sacchi di bulbi per la piantagione …”.

Oggi il Giallo è anche di Corte perché nelle “corti prediali” delle singole aziende agricole nei loro terreni vocati di Sant’Angelo in Vado, Urbania e Urbino (in provincia di Pesaro ed Urbino), Davide, Francesco, Michele e Luca, a cui si sono aggiunti poi tanti altri appassionati, partendo dalla radice ducale, sono riusciti a riscoprire la preziosa spezia comportandosi da veri custodi di un sapore tanto unico quanto ricco di infinite virtù.

Il marchio vuole racchiudere questi principali elementi distintivi: la scritta “Giallo di Corte”, realizzata con  tipico carattere di color giallo, contorna infatti una strisciata di colore rosso ocra il cui profilo richiama il tipico copricapo ducale sul quale sono sovrapposti gli stimmi della spezia.

 

CONDIVIDI
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.